Saperi & Sapori 2018, “A vele spiegate contro la deriva razzista”

Grande successo per la manifestazione organizzata dal Circolo L'Arcipelago di Valenzano. Oltre alle esibizioni degli Indie Ferenti e di Davide Ceddìa, lanciato anche un forte messaggio sociale

0
624

Il consuetudinario appuntamento dell’estate valenzanese ha riscosso l’aspettato successo: Saperi & Sapori si conferma l’evento laico più importante di Valenzano. La manifestazione, organizzata dal Circolo Arci L’Arcipelago di Valenzano, si è svolta lungo le vie del centro storico del paese.

In l.go san Benedetto si sono esibiti gli Indie Ferenti, giovanissimo gruppo barese vincitore del contest per cantautori “E cantava le canzoni”, e lo showman Davide Ceddìa. Lungo il percorso che collegava l.go san Benedetto a l.go Garibaldi si trovavano stand di ethnic street food e di piccolo artigianato. Presso il Castello Baronale Martucci, invece, la lettura delle liriche di Giuseppe Quaranta, giovane poeta locale e la mostra di sculture di carta e fil di ferro di Vincenzo Chiarazzo.

L’edizione di quest’anno è stata dedicata ad un argomento di grande attualità come i fenomeni migratori. Il simbolo della manifestazione sono state le barchette di carta come richiamo a chi lascia la propria terra per cercare nuove speranze altrove.

La sicurezza dell’evento è stata garantita non solo da volontari ma anche da beneficiari dei centri SPRAR gestiti da ARCI Bari che hanno anche creato uno striscione riportante la scritta “apriamo i porti”. Per il Circolo Arci locale si è trattato di “una risposta diretta a quanti, sulle questioni di sicurezza e ordine pubblico, puntano il dito sulla presunta “pericolosità” dei migranti”.

“Ancora oggi Saperi & Sapori varcano i nostri confini al termine di lunghissimi viaggi”, spiega Davide Barba, presidente de L’Arcipelago, “poco importa se le traversate avvengono su imponenti navi cargo o imbarcazioni fatiscenti. Come le barchette di carta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here