Valenzano, ora è ufficiale: niente elezioni a maggio

Antonio Lomoro annuncia la fissazione dell'udienza il 4 luglio. Il PD, "Avevano festeggiato con l'entusiasmo dei tifosi da stadio, ora riscoprono il rispetto per le istituzioni"

0
442

Il Consiglio di Stato ha confermato il precedente decreto emesso in via provvisoria e d’urgenza dal presidente di sezione. L’efficacia della sentenza pronunciata dal TAR Lazio lo scorso 8 marzo è sospesa. A maggio non si vota.

La Prefettura di Bari ad inizio aprile si era già pronunciata con proprio decreto e si aspettavano le valutazioni del Consiglio di Stato. Effetto della decisione è il reinsediarsi della Commissione Straordinaria. Volto cupo per l’ex Sindaco Antonio Lomoro che aveva in un primo momento esultato per l’annullamento del provvedimento di scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni mafiose.

Non demorde comunque l’ex primo cittadino che ha chiesto ed ottenuto dal Collegio del Consiglio di Stato la fissazione dell’udienza con l’appello che sarà definito il 4 luglio prossimo. “Insieme ai miei avvocati Franco Gagliardi La Gala, Giovanni Caponio e Gianluigi Pellegrino, produrremo tempestivamente documenti e memorie per dimostrare che l’appello del Ministero dell’Interno è destituito di ogni fondamento”, annuncia Antonio Lomoro sulla sua bacheca Facebook.

Risponde il Partito Democratico di Valenzano: “Antonio Lomoro e i componenti di quella che è stata la sua maggioranza avevano festeggiato con l’entusiasmo dei tifosi da stadio la sentenza del TAR. Ora, tutto d’un tratto, riscoprono la compostezza e il rispetto per il ruolo delle istituzioni. Ne prendiamo atto, anche se per noi la sobrietà nell’accogliere le decisioni degli organi giurisdizionali dovrebbe essere un atteggiamento che vale sempre e comunque. La nostra speranza è che la comunità possa tornare a esprimere il prima possibile la propria volontà in condizioni di rinnovata serenità.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here